ABOUT ME

Schermata 2016-01-03 alle 20.16.05

GROUP EXIBITION:

  • 2010  Lab+Loft25, Torino
  • 2010  Fondazione Dante Alighieri, Berlino DE
  • 2010  Castello del Valentino, Torino IT 
  • 2012  Pretty Portal Gallery, Dusseldorf  DE
  • 2012  Galo Art Gallery, Torino IT
  • 2013  Stroke Art Fair, Munchen
  • 2013  Allegra la Viola Gallery, New York USA
  • 2013  “Shoot For The Moon”, Wynwood Embassy, Miami FL
  • 2014  “Miami Marine Stadium Fall Benefit Exhibit, Gregg Shienbaum, Miami FL
  • 2016 Reflexions, Camera – Centro italiano per la Fotografia, Torino (IT)
  • 2016, Reflexions, Collettiva fotografica con Alex Webb , Sala Mostre Piazza Castello, Torino (IT) 
  • 2016 Reflexions, Roma (IT)
  • 2016 Reflexions, La Morra (IT)
  • 2016 Jazz Festivall, esposizione all’aperto, Torino (IT)
  • 2016  “Street Sans frontiere”, Parigi (FR)
  • 2016  “Street Art Volant”, Museo della Scrittura Torino (FR)

AWARD:

  • 2015 Honorable Mention Le Prix de la Photographie Paris
  • 2015 Art Residency with Alex Webb and Rebecca Norris Webb, Centro Camera per la Fotografia Italiana Italy
  • 2015 Art Residency with Alex Webb and Rebecca Norris Webb

PUBBLICATION:

  • Marie Claire Paris 
  • Vogue Brazil 
  • StreetActiveLife Messico
  • Rolling Stone
  • Vanity Fair
  • La stampa
  • La Republlica
  • Torino Magazine

 

BIO

 

<<Esistono più foto che mattoni>>, scrive Peter Turner nell’incipit della sua History of Photography. Se è vero che ogni tentativo di storicizzare la fotografia è un’omissione, ogni istantanea di un fotografo, tracciandone la storia, è un mattone che costruisce la casa del suo sguardo. Quello di Elisabetta Riccio, fotografa, 28 anni, disegna le geografie del suo errare tra gli interstizi abbandonati di una città industriale, Torino, e gli orizzonti delle sue esplorazioni americane. Sperimentando diverse tecniche di stampa e l’utilizzo della doppia esposizione da vita ai suoi progetti personali,  i realizzati sia in pellicola che in digitale, iniziando cosi ad interrogarsi fotograficamente sulla trasformazione dello spazio urbano. La sua ricerca si concentra nell’indagare, dal New Jersy al Messico, dall’Italia a Miami, sull’identità territoriale di comunità passate per portarne alla luce il cambiamento.Id-entity, la frammentazione di un istante è l’esplorazione di archeologie industriali che cercano nuova identità, lo scheletro della nuova Torino, un progetto che nel 2011 vince un premio della Fondazione Dante Alighieri ed è esposto nella sede di Berlino dell’istituzione culturale. In the middle of Nowhere è un’indagine nelle terre dei Navajo, la più numerosa tribù di nativi americani oggi stanziata in Arizona. Un’ombra storica, con cui l’America deve ancora fare i conti. Il parallelo tra le due osservazioni è un terreno comune di ricerca nelle viscere di spazi antropologici che attraversano un cambio di paradigma.

La sua identità di professionista Elisabetta Riccio la costruisce viaggiando, tra Cuba e la Malesia, il New Jersey e la Florida. Architetto, ha esposto a Monaco, Berlino, Düsseldorf, New York, Torino, Miami.